Quando parleró di te Testimonianze

Di seguito potrete trovare la testimonianza di chi il libro lo ha letto.

Non fatevi ingannare dal titolo! quí non ci sono smancerie da Harmony, non ci sono amplessi da Male to male ne erotismo esposto. Quí di esposto c´é solo il dolore di un uomo per la perdita del suo mondo. C´é il malessere di un figlio che vorrebbe solo poter riabbracciare suo padre. C´é solo tanto amore negato da chi dovrebbe...

Il libro è molto bello ma ci sono tante informazioni. La prima parte è bella perché si sente il dolore di lui che se ne va e suscita anche un po' di curiosità, si capisce che c'è una sofferenza. Mi piace anche il rapporto con il padre, o per meglio dire il non rapporto, la storia del papà che non...

Ho appena terminato il tuo libro, da lettrice posso dirti che scrivi davvero benissimo. Il testo è scorrevole, se non avessi avuto altri impegni lo avrei letto tutto d'un fiato. La storia mi è piaciuta molto, nonostante il protagonista secondo i miei gusti sia un tantino troppo pessimista, e rimugini troppo sugli stessi pensieri, si piange troppo...

Mi è piaciuto molto! In alcuni momenti mi è sembrato che Mattia si buttasse via inutilmente e un pochino mi ha infastidito. Mi sono ritrovata nella madre, perché ci ho pensato: se mio figlio mi venisse a dire che è gay (ma anche se decidesse di diventare sacerdote) credo che all'inizio mi darebbe molto fastidio (per retaggio culturale sbagliato)...

Inizialmente il titolo mi aveva "ingannata" nel senso che pensavo fosse un romanzo mieloso di quelli che si ripetono un po' come trama di altri scrittori, invece mi sono ricreduta.

Ho finito adesso di leggere il tuo libro e mi è molto piaciuto. In realtà l'ho divorato in tre giorni. Ovviamente, come più o meno per ogni libro, ci sono parti più coinvolgenti di altre. In generale ho trovato che ci fosse un crescendo in questo senso. Più il libro andava avanti, e più era coinvolgente. Ti ringrazio...

Non dico che la storia non sia bella e anche poetica, ma c´é qualcosa che manca. Mancano per esempio figure femminili forti, oltre alla insufficiente Beatrice, benché onnipresente. Manca la descrizione di un vero rapporto con la madre, che é tratteggiato ma non definito e resta sullo sfondo. Certo, forse l´autore voleva mostrare come i rapporti tra...

Se Nicola voleva emozionarci ci é riuscito. Non ha usato paroloni, frasi astruse e concetti arzigogolati per arrivare al mio cuore, non ce ne volevano. La dolcezza con cui questa storia é raccontata é stata sufficiente. Emerge da queste pagine una realtá che solo un cieco non vedrebbe: la famiglia non é fatta di legami di sangue ma da amore,...

Finito....e sono molto soddisfatto... Forse solo il finale...un po' frettoloso ma un bel libro. Credo che non dovesse finire così ma son solo due pagine dopo che tutto il libro si parla di Martin. Martin che arriva...... Martin che si aspetta durante gran parte del libro. Figura a volte evanescente ed enigmatica.... con un finale sospeso...

Amare si puó

12.03.2021

Nicola non ha avuto timore di raccontare le diverse facce della realtá Lgbt+. Una realtá fatta di eccessi certo, ma acnhe di solitudine, passione e tanta, tantissima voglia di amare. I "normali" credono di essere immuni da questi sentimenti e vogliono farsi passare per migliori, puri, giusti. Ma non é vero assolutamente!