Cominciamo: perché scrivere un Blog?(e in doppia lingua?) 

07.07.2018

1

Forse vi starete chiedendo: perché un autore dovrebbe scrivere un blog? Semplice: perché scrivere dovrebbe essere il suo mestiere. Non voglio fare il semplicione: sto prendendo con voi un impegno non indifferente: dover trovare la costanza di scrivere ogni settimana un post, di rispondere alle vostre domande, di soddisfare le vostre curiositá... non sará facile. Ma mi faccio forte di un proverbio che mi ripeteva sempre mia nonna: quello che non strozza ingrassa. Quello che non ti uccide ti fortifica. É con questo spirito che voglio aprire questo blog. Sinceramente non so cosa ne uscirá fuori. Io spero sia una ennesima occasione di confronto, di crescita, di stimolo.

Credo nel potere della parola, nella sua funzione magica di comunicare qualcosa di chi la esprime. Sia esso un sentimento, un concetto o una idea, la parola é un potente veicolo, in qualunque forma essa la si utilizzi. Quindi cominciamo insieme questo percorso. Usate il formulario per contattarmi, esprimermi le vostre idee.

Recuperiamo il dialogo, lontani dai social che servono solo ad esasperare gli animi e far tirare fuori il peggio delle persone, recuriamo il dialogo e lo scambio di idee per rifondare la societá sui valoro del rispetto, del confronto, della libera e civile convivenza. 

Leggi anche

Se vogliamo avere il polso della situazione mondiale, dobbiamo guardare a pochi fatti, all'apparenza slegati fra loro ma che sono abbastanza esplicativi della cattiva piega che stanno prendendo le cose negli ultimi anni.

Il 27 gennaio come ogni anno si è celebrata la giornata internazionale della Memoria, nell'Anniversario della Liberazione del campo di Auschwitz da parte dei russi. Grande commozione, celebrazioni in molti i paesi, resoconti dei (pochi ormai) sopravvissuti. 75 anni fa, con la liberazione del campo di sterminio piú grande messo in essere dal genere...

In terza superiore ero uno dei piú bravi in italiano. Il mio professore, di manica abbastanza stretta, mi premiava con voti che andavano dal 7 all´8 ed io gongolavo quando anche i piú bravi della classe venivano da me a chiedere aiuto per decriptare le tracce che ci venivano lasciate nei compiti in classe. Incoraggiato da tanto successo, cominciai...